Archivi Blog

Aurora e Solaria

Su Aurora il sesso è una cosa noiosa. È accettato come inevitabile, come il respirare. Se uno prova l’impulso, cerca qualcun altro che sembri adatto, e se questa persona, in quel momento, non è impegnata in qualcosa che non può rimandare, l’atto sessuale segue in qualsiasi maniera conveniente. Come respirare… ma che estasi c’è nel respirare? Se uno stesse soffocando, allora forse il primo respiro dopo la privazione sembrerebbe una delizia inenarrabile. Ma se uno non rischia mai di soffocare? E se uno non fa mai a meno volontariamente del sesso? Se viene insegnato ai ragazzi, insieme alla grammatica e alla programmazione? Se si considera naturale che i bambini facciano il loro esperimenti col sesso, e che quelli più grandi li aiutino?

Il sesso, permesso e libero come l’aria, non ha niente a che fare con l’amore, proprio come su Solaria il sesso, proibito e vergognoso, non ha niente a che fare con l’amore. […] una forma di rapporto sociale e di gioco, privo di rapporti con l’amore quanto il calcio spaziale.

Gladia Delmarre in I robot dell’alba (Isaac Asimov)

Momenti roussoviani

Magari l’amore è solo un’illusione, anzi da comportamentista dico che è certo che l’amore sia solo un’illusione, che non sia altro che una modificazione particolare della manifestazione di un comunissimo fenomeno naturale, quello che attrae individui di diverso sesso in specie a sessi separati; ma che mi importa di questo, quando ti abbraccio, sento il tuo respiro e mi sorridi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: