Pascoli smascherato!

Avete presente Il sabato del villaggio di Leopardi, quella canzone composta a Recanati nel 1829, poi pubblicata nell’edizione fiorentina dei Canti del 1831 e infine nell’edizione Starita del 1835? 

La donzelletta vien dalla campagna
in sul calar del sole,
col suo fascio dell’erba; e reca in mano
un mazzolin di rose e viole,
onde, siccome suole,
ornare ella si appresta
dimani, al dì di festa, il petto e il crine

E vi ricordate che il critico Pascoli di quei versi scrisse:

Donzellette non vidi venire dalla campagna col loro fascio
d’erba: non ancora la lupinella insanguinava i campi. Avrei voluto vedere il
loro mazzolino, se era proprio di rose e di viole! Rose e viole nello stesso
mazzolino campestre d’una villanella, mi pare che il Leopardi non le abbia
potute vedere. A questa, viole di marzo, a quella, rose di maggio, sì, poteva;
ma di aver già vedute le une in mano alla donzelletta, ora che vedeva le altre,
il poeta non doveva qui ricordarsi.

Ebbene, Pascoli si sbagliava ed ecco rivelato il perchè: ma chi gliel’ha detto a lui che rose o viole non erano secche???

Informazioni su Monsieur en rouge

Lotta continua contro l'Ancien Régime!

Pubblicato il 25 giugno 2010, in Libri con tag , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

  1. sei tra il genio e la demenza più totale!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: