Citazioni

Mah, non so, mi sento in vena di citazioni, Del resto era proprio Petrarca ad affermare che queste danno un valore più grande al discorso. Comunque, è per questo che vi lascio con qualche stralcio interessante.

"C’è della gente su questa vostra terra", replicò lo Spirito, "che pretende di conoscerci e che compie in nostro nome i suoi atti di passione, di superbia, di malevolenza, di odio, di invidia, di bigotteria e di egoismo, la quale, da noi e da tutta la nostra specie, è altrettanto lontata quanto sarebbe se non avesse mai vissuto. Tenete a mente questo, e imputate i loro atti a loro a non a noi"

Charles Dickens , Racconti di Natale

"L’affermazione del principio religioso sospende interamente il principio morale"

Søren Kierkegaard, Timore e tremore

E concludiamo in grande:

La matematica e la
fisica sono le due conoscenze teoretiche della ragione, che devono determinare a
priori il loro oggetto: la prima in modo del tutto puro, la seconda almeno in
parte, ma poi tenendo conto ancora di altre fonti di conoscenze oltre a quella
della ragione.
La matematica, dai
tempi più remoti a cui giunge la storia della ragione umana, e entrata, col
meraviglioso popolo dei Greci, sulla via sicura della scienza. Soltanto, non
bisogna credere che le sia riuscito cosi facile come alla logica, dove la
ragione ha da fare solo con se stessa, trovare, o meglio aprire a se medesima,
la via regia; io credo piuttosto che a lungo (specialmente presso gli Egizi) sia
rimasta ai tentativi incerti, e che questa trasformazione definitiva debba
essere attribuita a una rivoluzione, posta in atto dalla felice idea d’un uomo
solo, con una ricerca tale che, dopo di essa, la via da seguire non poteva più
essere smarrita, e la strada sicura della scienza era ormai aperta e tracciata
per tutti i tempi e per infinite tratto. La storia di questa rivoluzione della
maniera di pensare, la quale è stata ben più importante della scoperta della via
al famoso Capo, e quella del fortunato mortale che la portò a compimento, non ci
è stata tramandata. Ma la leggenda che ci riferisce Diogene Laerzio, il quale
nomina il supposto scopritore dei principi più elementari delle dimostrazioni
geometriche, che, secondo il comune giudizio, non han bisogno di dimostrazione,
prova che il ricordo della rivoluzione che si compi col prime passo nella
scoperta della nuova via, dove sembrare straordinariamente importante ai
matematici, e perciò divenne indimenticabile. II primo che dimostrò il triangolo
isoscele3 (si chiamasse Talete o come si voglia), fu colpito da una gran luce:
perché comprese ch’egli non doveva seguire a passo a passo ciò che vedeva nella
figura, ne attaccarsi al semplice concetto di questa figura, quasi per impararne
le proprietà; ma, per mezzo di ciò che per i suoi stessi concetti vi pensava e
rappresentava (per costruzione), produrla; e che, per sapere con sicurezza
qualche cosa a priori, non doveva attribuire alla cosa se non ciò che scaturiva
necessariamente da quello che, secondo il suo concetto, vi aveva posto egli
stesso.

Immanuel Kant, Critica della ragion pura

Informazioni su Monsieur en rouge

Lotta continua contro l'Ancien Régime!

Pubblicato il 23 aprile 2010 su Libri. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 6 commenti.

  1. Non può mancare:"faccio le domande a bruciapelo e prima di bruciare il pelo prendete gli appunti""Enrico Enrico Enrico! Lasciatelo stare ad Enrico… ma dimmi mentre come ti chiami?""ragazzi non vi riscaldate troppo altrimenti fate le uova"Non continuo, ma si potrebbe andare avanti all\’infinito.

  2. ciao Piero:) ho preso a leggere uno dei tanti libri che mi avevi consigliato, Armi acciaio e malattie.. dio è stupendo! ho capito che l\’antropologia mi interessa un sacco..però mi sta facendo assumere definitivamente una posizione, direi forse, acritica nei confronti di ogni azione che compie l\’essere umano.. ovvero sto iniziando a vedere ogni cosa come qualcosa di ingiudicabile.. come se si dovesse osservarla e basta.. è complicato e mi spaventa..

  3. si chiama determinismo; fortunatamente chi conosce la fisica a certi livelli sa che il determinismo già ai primi del novecento era stato smentito, almeno a livello subatomico, dalla meccanica quantistica.. ma sai, siamo fatti di atomi quindi non è detto che siamo in grado di prevedere davvero gli effetti di un fenomeno nemmeno essendo a conoscenza di tutti i dati di un problema; in realtà il determinismo appare come un buon metodo di previsione degli eventi solo quando si tratta di "popolazioni" molto grandi (intendo nel senso statistico).comunque se ti interessa posso spiegarti meglio evitando di scrivere trattati

  4. comunque quel libro è affascinante, l\’ho letto un anno fa e ancora ogni tanto mi trovo a citarne intere frasi; e un mio amico voleva impararlo a memoria, l\’ha letto due volte di seguito

  5. Mi interessa alquanto… Quando hai tempo, sai come contattarmi!Grazie.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: